La delicatezza della gravidanza: linee guida “qualificate”.

,

Il nostro ordinamento adotta le linee guida come parametro di valutazione della condotta del professionista sanitario. Tuttavia è anche vero che non si può prescindere dalla realtà concreta. Per questo motivo è possibile derogare a questi standard di condotta appellandosi alla specificità del caso concreto. Nel portale giuridico presente sul nostro sito puoi trovare molti altri articoli sulla responsabilità medica e su tanti altri temi (per l’articolo sulle linee guida clicca qui).

L’esigenza di una diligenza più elevata.

Esistono casi in cui è giustificato esigere standard di diligenza più elevati. Si pensi al seguente caso: un medico, leggendo un’ecografia di una donna incinta, non si accorge di alcuni segnali clinici che in seguito potrebbero sfociare in una particolare sindrome. Qui l’ordinaria diligenza non basta, anzi è richiesta una diligenza più elevata detta “qualificata”. Tutto questo perché sono di primaria importanza  il diritto di autodeterminazione del paziente (cioè il diritto di prendere decisioni in maniera autonoma e indipendente) e il diritto della donna di interrompere volontariamente la gravidanza.

Il diritto all’interruzione volontaria della gravidanza.

L’interruzione della gravidanza può essere spontanea, quindi indipendente dal fatto umano, oppure volontaria, cioè per volontà della donna o per scopi terapeutici.

L’aborto può essere liberamente provocato nei primi 90 giorni, dopodiché esso può avvenire solo nei casi espressamente previsti dalla legge. Quindi, passati i primi 90 giorni la donna può abortire solo quando dalla gravidanza potrebbe derivare un pericolo alla sua salute fisica e psichica oppure in caso di malformazioni o anomalie fetali.

Per avere un quadro completo, di un settore così delicato e composto prevalentemente da norme tecniche in continua evoluzione, è necessario aggiornarsi periodicamente. . Per essere informato giornalmente segui le nostre pagine Facebook e LinkedIn! In ogni caso, non aspettare, chiamaci al +39 02.82.95.18.61.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.